Prima…

13754340_10157173819195346_3153707896117361445_n
San Gimignano- Foto: Marina Spironetti

Prima facevo tante cose, di sicuro mangiavo di più 😀

Ma quel che intendo dire è che ne facevo proprio tante: insegnante, ufficio stampa, speaker radiofonica, giornalista, volontaria.

Prima ero una Mamma alla ricerca della perfezione genitoriale (e non esiste manco se sei una di S.O.S.Tata)

Prima facevo palestra, jazzercise, facevo corsa, ballavo molto, suonavo il violino.

Prima dicevo sempre si a tutti, ero sempre disponibile ed accondiscendente.Se mi si chiedeva di smuovere il mondo ero già in posizione Atlante. Se mi si chiedeva una mano ero già pronta a dare il braccio.

Prima non chiedevo MAI aiuto, perchè dovevo bastarmi per me

Poi è arrivato il cancro e mi ha insegnato che è inutile far tanto, per tanti. Me lo ha insegnato in maniera dura ma oggi, dopo cinque mesi di rinascita, posso dire “grazie” per la nuova me che sto diventando.

Oggi ho capito che posso scegliere le amicizie e selezionarle come voglio, che restare inglobati nella regola del “pare brutto” fa male solo a noi stessi e quindi se non mi va una persona nessuno mi obbliga a starci assieme.

Oggi se voglio, chiedo aiuto e nel chiedere aiuto, da un po’ di tempo a questa, parte ho potuto constatare che non sempre chi ti dice che “ci sarà per qualunque cosa” poi realmente ci sta.

Oggi, appena posso, mi seggo e gioco coi miei figli perchè semplicemente mi va di farlo e non perchè è quel che ci si aspetta che una mamma perfetta faccia.

Oggi, mi fermo più spesso a baciare il mio amore e gli dico più spesso che lo amo, perchè non importa quante volte si litighi (non tante per la verità) o quante volte i figli ti facciano incavolare: se ami devi dirlo oggi, domani potrebbe esser tardi o semplicemente potrebbe non avere lo stesso splendido valore che ha oggi.

Oggi respiro profondamente e mi perdo a guardare le bellezze del mondo che mi circonda.

Prima…vivevo di meno, senza alcuna cicatrice.

Oggi, vivo molto di più

Tutti i poteri dell’universo sono già dentro di voi. Siete voi che vi siete coperti gli occhi con le vostre mani. Vi lamentate che è buio. Siate consapevoli che intorno a voi non ci sono tenebre. Togliete le mani dai vostri vostri occhi e apparirà la luce, che era lì da un’eternità.
(Swami Vivekananda)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...